Percorso1Tappa8SDP

 


2titolo-approfondimenti_08

Le epigrafi funerarie documentano i mestieri dei fiorentini in epoca romana. Sex. Avidius era un negoziante di prodotti di bellezza, profumi, unguenti e cosmetici, che aveva opportunamente aperto la bottega davanti a uno degli ingressi dell’anfiteatro. Q. Vibius Maximus Smintius era un artigiano del rame e del bronzo e sulla lapide sono rappresentati vari tipi di martelli e pinze, l’incudine e una chiave. P. Alfio Erasto era invece un commerciante di legname e sulla sua stele sono ritratti strumenti di misurazione, un martello forestale, un contenitore di stili e di tavolette per le annotazioni e la custodia, forse di un compasso, con le sue iniziali.